Incendio all’aeroporto di Catania 17 luglio

Dopo l’incendio che ha colpito l’aeroporto di Catania Fontanarossa, il Terminal C è tornato parzialmente operativo con la ripresa dei voli, inizialmente limitati a 2 all’ora, ma destinati ad aumentare gradualmente. L’evento ha richiesto la chiusura precauzionale dell’area per 48 ore al fine di procedere con la bonifica della zona interessata. Fortunatamente, non si sono verificati feriti in seguito all’incendio che, secondo le prime informazioni, sarebbe divampato per cause ancora da accertare, partendo dal piano inferiore e poi estendendosi al terminal partenze della struttura centrale.

L’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile (ENAC) ha istituito una Commissione d’inchiesta per investigare sulle cause dell’incendio e per garantire una rapida ripresa delle operazioni a pieno regime nell’aeroporto. L’obiettivo è quello di identificare eventuali responsabilità e garantire la massima sicurezza per i viaggiatori.

Fortunatamente, gli aeromobili presenti sullo scalo non sono stati coinvolti dalle fiamme e sono stati autorizzati a decollare per essere deviati verso altri aeroporti come Palermo e Trapani, con servizi sostitutivi per ridurre al minimo i disagi per i passeggeri.

Il presidente di Fiavet, Giuseppe Ciminnisi, ha espresso un senso di sollievo per l’assenza di vittime e si è congratulato con chi ha lavorato per contenere l’incendio. Ha sottolineato che si attendono ulteriori informazioni sulle cause dell’evento e ha assicurato che per i pacchetti acquistati tramite agenzia di viaggio, verranno trovate soluzioni adeguate per la riprotezione dei viaggi.

La procura etnea ha aperto un fascicolo senza indagati e sta ipotizzando i reati di incendio doloso e incendio colposo. L’attenzione è rivolta a comprendere perché la sicurezza delle persone presenti nello scalo sia stata messa a rischio. Al momento non risultano danni alle persone.

In questo periodo dell’anno, con l’estate in corso e l’afflusso turistico, l’incidente si aggiunge alle sfide già presenti nel settore aereo, con alcune mete turistiche che soffrono di isolamento e costi elevati a causa della limitata concorrenza delle compagnie. La Sicilia sta ottenendo successi nel turismo, ma è evidente che l’efficienza e l’accessibilità dei trasporti rappresentano fattori chiave per lo sviluppo del settore, una questione meritevole di attenzione a livello siciliano, italiano ed europeo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *